Zero Waste Challenge con Fra|| Giorno 2: Come diventerò Zero Waste?

Ciao a tutti :)

Oggi è il Giorno 2 della mia Zero Waste Challenge!
In questo post vi spiegerò come ho intenzione di ridurre concretamente i miei rifiuti e le persone a cui mi sono ispirata per capire quali strategie adottare e quali cambiamenti fare! Per sapere il perchè ho scelto di seguire il più possibile lo stile di vita Zero waste e cosa significhi, vi lascio il link del Giorno 1:
Zero Waste con Fra || Giorno 1

COME DIVENTERO' ZERO WASTE?

Sono già passati circa due mesi da quanto ho deciso di iniziare a produrre meno rifiuti.
Per farmi un'idea di cosa concretamente poter fare e per capire meglio il movimento Zero waste, ho soprattutto guardato video su Youtube e documentari. Tra i canali Youtube quelli che mi hanno ispirato e dato spunti maggiori sono: Sustainably Vegan e Gittemary Johansen.
Ho travato anche molto interessante il canale Ela Gale, che non è propriamente Zero Waste, ma si occupa della sostenibilità, in particolare propone diverse ricette naturali per sostituire prodotti per la cura del corpo che ho intenzione di provare. Vi consiglio anche il blog di una ragazza italiana, Bianca, che da diverse idee: Zero waste path; scrive sia in inglese che in italiano e ha un profilo Instagram davvero bello.

Ho visto anche alcuni interventi di una degli esponenti principali del movimento Zero Waste, Bea Jhonson, vi lascio il link di uno di questi:

Bea Johnson :Two adults, two kids, zero waste 

e il link del suo blog:
zerowastehome

e del suo canale Youtube:

Zero waste home- Youtube

Concretamente ho deciso di seguire le 5 regole di Bea Johnson, da applicare in ordine:

fonte: Bea Johnson Zero Waste Home


Ovvero:

RIFIUTARE, ciò di cui non si ha bisogno.
Un esempio sono buste di plastica che ci vengono proposte nei negozi, le cannucce o prodotti simili, di cui posso fare benissimo a meno, che sostituisco con prodotti riutilizzabili, come buste in tela ecc.

RIDURRE, ciò di cui si ha bisogno.
Ci ritroviamo spesso con armadi, cassetti e librerie stracolmi, per non parlare di frigoriferi e dispense, abbiamo davvero bisogno di tutto questo? Per me sarà abbastanza complicato questo step, perchè negli anni ho accumulato davvero tante cose inutili, di cui è giunta ora di sbarazzarmi. Sarà un processo lungo e faticoso, ma sono sicura che riuscirò a fare progressi.

RIUSARE, ovvero sostituire prodotti monouso con prodotti riutilizzabili, punto che ho già toccato nel post di ieri e che credo sia uno degli elementi essenziali dell'idea del Zero Waste.

RICICLARE, quello che non può essere rifiutato, ridotto, riusato. Il riciclo è quindi considerato come una delle ultime opzioni: riciclare comporta un dispendio di numerose risorse, in più non tutto è realmente riciclabile (vedi la plastica).

COMPOSTARE,questo vale per gli scarti del cibo ma anche per prodotti in legno e altri materiali biodegradabili: chi ha un giardino infatti può fare il compost facilmente. In alternativa si può semplicemente mettere tutto sotto terra come fa mia nonna (facendo crescere piante di ogni tipo, un anno è cresciuta anche una bella anguria :) ). Io non ho un giardino, per cui tutti gli scarti biodegradabili li metto nell'umido, facendo attenzione che in mezzo non ci siano altri materiali, come plastica ecc che non sono biodegradabili.

Il secondo passo verso il Zero Waste è stato quindi quello di unirmi alla community e capire come concretamente potessi comportarmi e quali persone potessero essere di ispirazione per il mio cambiamento. Purtroppo tutti i canali Youtube e i video che vi ho consigliato e che mi hanno aiutato sono in inglese, ma spero di aver riassunto il più possibile e avervi scritto i punti essenziali.


Vi aspetto domani nel mio profilo Instagram e tra 8 giorni nel blog, per un resoconto di come sta andando :)

Che la vostra giornata sia splendida :)

Fra 💗


Commenti